cosa vedere a Danzica e dintorni

Cosa vedere a Danzica e dintorni

Cosa vedere a Danzica e dintorni durante il tuo viaggio? Tra le destinazioni più affascinanti in cui trascorrere un alternativo week end lungo, Danzica, in lingua locale Gdansk, occupa un posto speciale nel cuore dei turisti. Città polacca affacciata sulle coste del Mar Baltico, Danzica si apre al viaggiatore offrendogli storia, arte, un ricco patrimonio culturale e gastronomico e bellezze architettoniche forgiate dalla sua storia che si affacciano su un labirinto di strade e vicoli.

Malgrado non sia sfuggita ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, il capoluogo della Pomerania, da sempre crocevia di popoli e centro mercantile e navale nonché, nel medioevo, membro della Lega Anseatica, ha subito l’intervento di ricostruzione più di grande d’Europa che ne ha riportato in auge l’antico splendore. Sono molti gli edifici che si possono ammirare per le strade di Danzica, i musei e gli ottimi ristoranti a prezzi ragionevoli. Andiamo dunque alla scoperta delle tante attrazioni della perla del Baltico.

In questo articolo, noi di visitaredanzica.it ti forniremo una guida completa e ti mostreremo cosa vedere a Danzica e dintorni.

Cosa visitare a Danzica e dintorni: luoghi di interesse

cosa vedere a danzica

Glowne Miasto

Se vuoi sapere cosa vedere a Danzica e dintorni, un buon punto di partenza per visitare Danzica è la cosiddetta Città Grande, o Glowne Miasto, il cuore del centro storico cittadino, fedele alla tradizione, che si sviluppa intorno alla Via Reale, o Dluga, una delle vie più caratteristiche della città, malgrado sia alquanto corta (500 metri). Densa di punti di interesse, tra cui le case alte e strette dalle facciate color pastello, dalla forte impronta olandese, un tempo era il percorso cerimoniale seguito da regnanti e personaggi illustri in visita a Danzica per entrare in modo trionfale nella città.

Danzica città vecchia ulica dluga

Percorrendo la Dluga, dalla Porta d’Oro (Zlota Brama) alla Porta Verde (Zielona Brama), si resta sbalorditi dalla straordinaria bellezza del susseguirsi di eleganti edifici costruiti in stile gotico, rinascimentale, manierista e barocco, che parlano di epoche gloriose e danno la sensazione di essere nella Vienna imperiale. Superata la Porta Verde, che si affaccia sul canale della Motlawa, si entra nel Dlugi Targ (Mercato Lungo), punto d’incontro per turisti e artisti di strada e cuore pulsante cittadino. Su questa piazza si affacciano i palazzi più belli e importanti della città.

fontana di Nettuno Danzica

Alle spalle della Fontana di Nettuno, risalente al XVII secolo, si può ammirare la bellissima facciata con portici della Corte di Artù, uno spettacolare edificio del trecento costruito in stile fiammingo all’esterno e gotico all’interno, che in passato era residenza dei sovrani, luogo d’incontro di mercanti e ricchi borghesi e fulcro della vita sociale della città. A meno di 100 metri di distanza si erge la torre del Municipio, sede del Museo storico cittadino, che, pur essendo la più alta di Danzica, offre una vista un po’ deludente della città.

L’edificio più grande del centro è la Cattedrale di Santa Maria, il principale tempio religioso di tutta la Polonia settentrionale e la più grande chiesa al mondo in mattoni (rossi). La sua torre offre un panorama mozzafiato del centro della città.

Danzica Cattedrale Santa Maria Città Vecchia

Danzica, la patria dell’ambra

Danzica è la capitale mondiale dell’ambra, anche detta oro del Baltico, preziosa resina fossile formatasi tra 35 e 50 milioni di anni fa che, opportunamente pulita e lavorata, si trasforma in gioielli preziosi, pannelli decorativi e sculture. Per questo è d’obbligo fare un salto in Ulica Mariacka, la via dell’ambra, un caratteristico vicolo acciottolato in cui si affacciano case a schiera in stile elisabettiano e le botteghe dei bijouitiers dell’ambra dove poter acquistare souvenir. In estate questa via si anima con spettacoli di arte di strada con menestrelli, giocolieri e maschere folcloristiche locali. Altra tappa da non perdere è la Casa delle Torture e della Torre di Prigionia, grande edificio del XV secolo sede del Museo dell’Ambra, che raccoglie i tesori intagliati nella preziosa resina.

Danzica ambra

Lungo il canale Motlawa si erge la Gru medievale di Danzica, una grande porta a due torri che in epoca medievale era la gru più grande d’Europa e serviva per il carico e lo scarico delle merci. Accanto ad essa si trova il Museo Marittimo Centrale, che si fregia di un’interessante galleria di dipinti marini e che include la nave museo SS Soldek, primo bastimento polacco costruito nel dopoguerra.

Per i più piccoli c’è lo Hewelanium Center, un museo interattivo della scienza e dei fenomeni naturali situato sulla collina Gora Gradova all’interno di un’ex fortezza risalente al XVII secolo.

Imperdibile un salto nel quartiere di Zaspa per ammirare gli oltre 150 murales dipinti sui muri delle case da alcuni attivisti locali, nonché una visita alla cattedrale gotica nel vicino quartiere di Oliwa.

Danzica cattedrale a Oliwa

Danzica: un viaggio nella storia

Per chi ama la storia, vale la pena partire per Danzica anche solo per vedere il Museo della Seconda Guerra Mondiale, il più grande museo storico della Polonia, con più di 200 padiglioni interattivi, vero e proprio capolavoro di architettura inaugurato nel 2017. Il museo è sepolto all’interno di un immenso volume sotterraneo sovrastato da una sghemba torre a quattro facciate trapezoidali, tre delle quali in cemento rosso e una totalmente vetriata. L’esposizione permanente, che si snocciola per 5 mila metri quadrati, è un grande corridoio con molti rami tematici che si trova a una profondità di 15 metri sotto terra.

Oltre ad essere la città in cui ha avuto inizio la Seconda Guerra Mondiale, Danzica è il luogo dove è nato Solidarność, il movimento sindacale che pose fine al regime comunista polacco e portò all’elezione di Lech Walesa come Presidente della Polonia. Dei cantieri navali che furono il centro delle lotte anticomuniste degli anni ’70 e ’80, anche noti come cantieri di Lenin, resiste all’ingresso la vecchia scritta Stocznia Gdanska. Lo spirito di quel periodo può essere rivissuto nello European Solidarity Centre, un museo situato proprio nei pressi dei cantieri navali che ripercorre quanto accaduto in quei giorni al fine di preservarne la memoria per le generazioni future.

Cosa vedere a Danzica: dintorni

Un week-end è sufficiente per visitare la città, ma se si vuole soggiornare più a lungo, anche i dintorni di Danzica meritano di essere visti. In estate bisogna approfittare di Sopot, una località balneare a venti minuti di treno da Danzica.

Danzica Sopot spiagge

È la capitale estiva della Polonia nonché città più festaiola del Baltico, piena di locali adatti a ogni fascia di età dove tirare l’alba. Le spiagge pulite e il molo di legno più lungo d’Europa, in prossimità del Grand Hotel e del parco termale, sono alcune delle principali attrattive di Sopot che, insieme a Danzica e a Gdynia, meta di shopping e movida, forma l’agglomerato urbano Trójmiasto (Tricittà).

Sopot mare e spiagge dintorni Danzica

Chi ama i castelli e le storie collegate alle fortezze, non può perdersi una visita al Castello di Malbork, fortezza gotica dall’aspetto fiabesco che si erge nei pressi di Danzica, a circa 30 minuti di treno dalla città.

Castello di Malbork nei dintorni di Danzica in Polonia

Questo immenso edificio del XIII secolo, che era inizialmente un convento, è il più grande castello in mattoni d’Europa. Infine, una gita che si può fare nei dintorni di Danzica è a Leba, dove si possono ammirare le inaspettate dune mobili del Parco nazionale Slowinski.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *